GdS – Paquetà, ecco la Coppa America: il Milan e Giampaolo ti guardano

Stanotte Brasile-Bolivia, gara inaugurale: il centrocampista dovrebbe partire dalla panchina, ma con Neymar k.o. si aprono più spazi

Marco Fallisi, giornalista de La Gazzetta dello Sport, nel suo editoriale per Gazzetta.it ha parlato di Lucas Paquetà gioiello del Milan, impegnato in Copa America col Brasile.

Il 2018-19 di Lucas Paquetà non finisce mai: dopo aver sfondato le 60 presenze stagionali tra Flamengo, Milan e Seleçao, il 21enne sbarcato in Italia a gennaio per 35 milioni è pronto all’ennesima tappa del suo giro del mondo. Persa la Champions senza scendere in campo nelle ultime giornate di A causa squalifica, Paquetà darà l’assalto a un altro trofeo, quella Coppa America che si aprirà stanotte a San Paolo (ore 2, diretta su Dazn) con la gara inaugurale tra il suo Brasile e la Bolivia. Per Lucas, 5 presenze e una rete in verdeoro, sarà la prima volta nella competizione, e con ogni probabilità l’inizio del cammino sarà diverso da quello fatto col Milan.

CONCORRENZA – Se in rossonero la fiducia nei suoi confronti era stata totale fin da subito (Gattuso lo aveva schierato titolare alla prima occasione, in Coppa Italia contro la Samp), in nazionale ci sarà da sgomitare. Il c.t. Tite lo tiene in grande considerazione e l’infortunio di Neymar può aprire nuovi spazi, ma nel 4-2-3-1 del Brasile di stanotte Paquetà dovrebbe partire dalla panchina: a centrocampo toccherà a Casemiro e a uno tra Arthur, Fernandinho e Allan, con David Neres, Coutinho e Richarlison alle spalle di Firmino (o Gabriel Jesus). Lucas indosserebbe le vesti del jolly da giocare a partita in corso.

POSIZIONE – Minutaggio permettendo, dalla Coppa potrebbero arrivare indicazioni interessanti per Giampaolo. Finora in verdeoro Paquetà ha giocato più da interno di centrocampo come accaduto in rossonero, ma Tite potrebbe decidere di schierarlo sulla trequarti. E sarebbe un ottimo test in vista della prossima stagione in Italia, ecco perché Lucas aspetta la sua occasione e il Milan insieme a lui.

Condividi articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *